L'agorafobia

agorafobia (dal greco áãïñÜ : piazza e öïâßá : paura, etimologicamente "paura della piazza") è la sensazione di paura o grave disagio che un soggetto prova quando si ritrova in ambienti non familiari, temendo di non riuscire a controllare la situazione che lo porta a desiderare una via di fuga immediata verso un luogo da lui reputato più sicuro.

L'agorafòbico cerca di evitare luoghi pubblici o luoghi non familiari, ha difficoltà ad uscire di casa e viaggiare [1].[2]

La gravità dell'ansia e dei comportamenti evitanti sono variabili; l'agorafobia è una delle manifestazioni ansiose più invalidanti, in quanto chi ne soffre spesso diventa completamente dipendente dalle mura domestiche, oppure è costretto ad uscire di casa solo quando è accompagnato.

L'oggetto dell'agorafobia può riguardare l'uscire di casa, l'entrare nei negozi, nei luoghi pubblici, il viaggiare da soli nei bus, nei treni o negli aerei; gli attacchi di panico possono riguardare la paura di avere un collasso o di essere lasciati senza aiuto in pubblico, oppure derivare dalla mancanza di un'uscita di sicurezza immediata (una delle caratteristiche chiave delle situazioni agorafobiche). Il timore delle conseguenze sociali di una crisi di panico dovuta ad agorafobia spesso diviene esso stesso un'ulteriore causa di difficoltà emotiva[3].

Il timore di uscire dalle mura domestiche e di relazionarsi con il mondo esterno, evidenzia una difficoltà a confrontarsi con eventi, persone, situazioni nuove e sconosciute, privi di quella "protezione", in questo caso rappresentata dall'ambiente familiare, dove l'individuo non rischia di immergersi nell'anonimato della caotica folla.

A seconda della storia personale di ogni individuo, del legame alle sue abitudini e alle sue sicurezze quotidiane, del suo livello di accettazione del rischio e dell'incertezza relazionale, il significato assunto da questa fobia sarà peculiare e quindi spetterà allo psicoterapeuta di valutare il tipo di cura da intraprendere.

Un noto personaggio del passato che soffriva di agorafobia è Alessandro Manzoni.[4] Ne sono colpite in prevalenza donne in età compresa fra i 20 e i 32 anni.[senza fonte] Sintomi depressivi e ossessivi e fobie sociali possono essere presenti, ma non dominano il quadro clinico. In assenza di una terapia, l'agorafobia può divenire cronica, sebbene di solito con decorso clinico altalenante.

 Curiosità

Alexandra Rover, nel film 'Alla Ricerca dell'Isola di Nim', soffre di una forte forma di agorafobia.

 

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Agorafobia



Home
Chi siamo
Contattaci
Dove siamo
Sostienici
Ansia
Panico D.A.P.
Agorafobia
AutoMutuoAiuto
News-Eventi
A new life - Storie di Panico
A new life - Storie di Panico
Dicono di noi
Interviste
Testimonianze
Risorse Utili
Biblioterapia
Rassegna Stampa
Pensieri...
Video
Links Utili
Libro Ospiti
Dillo a un amico
Amici-Partners
Statuto-Moduli




Agorafobia

Site Map